Skip to content

gennaio 18, 2007

Io non sopporto una cosa nella vite: dover risolvere i problemi degli altri. Ebbene, spesso mi tocca risolverli. Di cuoro, poi. AmiCHE quasi quotidianamente mi chiedono cosa fare dei propri sentimenti e io

1 non sono una donna

2 non sono uno psicologo

3 non so dire alle persone quello che vogliono sentirsi dire

questo significa che ho il tatto di un elefante in una cristalleria. E dico le cose come stanno. Almeno, per quello che posso vedere. E, il più delle volte, ho l’impressione che le persone vogliano stare male. Più che un’impressione è una certezza. Quindi, si innamorano di persone per le quali non esistono sulla base di mezze parole. Stiamo attenti, sono mezze parole dette anche in buona fede, ma, nelle orecchie sbagliate, possono sembrare dichiarazioni di amore eterno. Bloggers, vi scongiuro, potete spiegarmi quale diavolo è il confine fra romanticismo e stupidità??!! Vi prego. A volte, mi sembra di avere a che fare con quei personaggi che si trovano in  quegli smielati romanzi harmony. Impelagati in amori impossibili. Cazzo, quanto è bello l’amore senza seghe mentali!! E invece no. "Ma quello cosa avrà voluto dirmi?" "Ma non capisce che lo amo?" E questo vale per entrambi i sessi!! Allora, rinnovo il mio interrogativo: come mai alla gente piace tanto soffrire?

Annunci

I commenti sono chiusi.