Skip to content

60anni

gennaio 2, 2008

La Costituzione Italiana compie sessanta anni. Nata dala Costituente, eletta dagli italiani, nel 1946 la quale, in mezzo a incredibili traversie, è riuscita a sintetizzare in un unico documento tradizioni e culture completamente alternative, unificate dalla necessità di costruire un Paese nuovo e di ripulirlo dal peccato di una guerra condotta dalla parte sbagliata. Tale peccato è stato, è vero, lavato nel sangue, ma la presenza endemica del fascismo, nel nostro Paese, obbligò in un angolo le forze che contro il regime di Mussolini e della sua banda avevano, nelle forme più disparate, combattuto.
Così la nostra carta fondamentale nasce e un’Italia umiliata da un durissimo armistizio stretto con gli alleati europei degli Stati Uniti, dove De Gasperi viene ricevuto dal Segretario di Stato con il cappotto riciclato, ma con le energie necessarie per diventare una tra le nazioni che contano.
Questo è potuto succedere perchè una classe dirigente controversa, ma capace, è stata in grado di costruire un paese moderno e, per certi versi, all’avanguardia che si è ritrovato in pochi anni a garantire un benessere diffuso mai sperimentato prima.
Ora l’Italia è piena di problemi, ma le cose non vanno così male come sembra. La crisi delle istituzioni che attanaglia il nostro Paese da quasi venti anni sembra ad un punto di svolta. Il 2008 potrebbe essere quello dell’aggiornamento della Carta Fondamentale e per proseguire con quella storia leggedaria che è quella della nostra Repubblica. Auguri.

Advertisements

I commenti sono chiusi.