Skip to content

A Napoli piace vivere nell’immondizia

gennaio 6, 2008

A Napoli, ne quartiere di Pianura, hanno dato fuoco ad una scuola elementare. La scuola è un simbolo: è il simbolo di uno stato che deve educare i propri cittadini. A Pianura, qualcuno non vuole lo Stato, evidentemente. E, se contro o stato lottano anche i cittadini, è vermente finita. A parte il fatto che in Campania chi comanda sono Bassolino e la Jervolino i quali qualsiasi cosa abbiano fatto, non hanno fatto miracoli, i rifiuti sono un buisness immenso. I soldi che derivano dalla gestione di spazzatura fanno gola a tutti camorra inclusa la quale, come i padrini di Little Italy, si serva della cittadinanza per i propri scopi. Non è tutta colpa dello Stato se Napoli è una città di immondizia, la colpa è anche e soprattutto della cittadinanza. A me fa tanta impressione quella signora napoletana che chiede ad un signore trenitino se viene pagato per fare la raccolta differenziata in casa propria. Questa donna è indice di un modo di vivere di una città sempre in attesa che il Borbone di turno inauguri le giornate di festa e di elargizioni per tenere buono il popolo che, di mettersi a lavorare per migliorarsi, proprio non ne ha voglia, altrimenti, il problema dei rifiuti come quello di Scampia e di un degrado che visto da un po’ più a nord fa spavento, sarebbe risolvibile in pochi mesi. Peccato perchè campani sono alcuni tra i più grandi italiani viventi e no. Alcuni tra i più grandi operisti italiani sono di Napoli, Napolitano è uno tra i più grandi storici europei. Tuttavia, questa città si trova immersa in un malcostume mostruoso il cui immondo puzzo si sente fin qui, in Toscana.

Annunci
6 commenti
  1. albicocca85 permalink
    gennaio 6, 2008 2:43 pm

    io sono napoletana e mi sento profondamente offesa dalle tue parole!
    tu sei scivolato nel solito luogocomunismo dei miei stivali!
    è facile parlare quando si vive in una situazione in cui le cose funzionano!
    è facile sparlare di un’intera regione appellandosi a quello che si vede al telegiornale!
    nessuno di voi tra quelli che si ergono a grandi pensatori e intellettuali che credono di aver capito tutti i problemi sa sul serio quello che noi tutti viviamo e stiamo vivendo!
    noi siamo capaci di protestare civilmente e se in mezzo ci si mette qualche cretino non venirmi a dire che là in Toscana non ci sono cretini che fanno cazzate perchè mi faresti soltanto ridere!
    la fiducia nello stato è difficile quando si vive tra i problemi e di certo non saranno quelli come te buoni soltanto a sparare sentenze a sollevarci dai guai!

  2. skyene permalink
    gennaio 6, 2008 3:56 pm

    ma dimmi una cosa, grande genio. hai messo almeno un piede in questa città, o spari cazzate al vento?

  3. anonimo permalink
    gennaio 6, 2008 3:59 pm

    ricorda che la camorra sversa nelle discariche abuisive della Campania i rifiuti nocivi delle aziende del NORD..
    smettiamola coi campanilismi
    il nodo della criminalità organizzata che spadroneggia in Italia è venuto ancora al pettine, e tocca a tutti gli italiani fare muro perché questo paese non crolli
    un saluto

  4. anonimo permalink
    gennaio 6, 2008 4:00 pm

    scusa, non ero loggata
    Giovanotta

  5. anonimo permalink
    gennaio 9, 2008 10:59 am

    Tutti questi rifiuti che stazzionano nelle vie di Napoli e provincia sono tossici, portano malattie. Se lo stato vieta di fumare nei luoghi pubblici, aumenta i prezzi delle sigarette, fa tutte quelle campagne per mostrare quanto fa male la sigaretta , dovrebbe fare la stessa cosa per i rifiuti. Chi continua a fumare sono fatti suoi. Ma tu pensi che i napoletani fanno apposta a buttare tutti quei rifiuti per le strade ?
    Ma ci sei mai stato a Napoli inb questi ultimi due anni ? è diventato uno schifo ! La gente sta male, la gente litiga per la strada….Nasce anche un problema psicologico.
    E tutti vogliono che i Napoletani reagiscano! Ma come si può ? Con le parole ? No ! Che potere abbiamo noi contro il governo ? Nessuno…Sai quanto se ne fregano delle nostre parole !
    La forza !! L’unica soluzione è la forza !! Per farsi vedere , Per farsi sentire !! Peccato che i polizziotti siano formati per prendere a bastonate !
    Sono 30 anni che dura la storia dei rifiuti ! 30 anni ! Lo stato si muove solo adesso ?? Allora scusa ma l’intervento del esercito dopo 30 anni a me fa soltanto incazzare.
    è vergognoso !! vergognoso !! già prima l’Italia del Nord, i paesi che circondano l’Italia giudicavano Napoli e i Napoletani come degli incivili, dei barboni e non so quante altre cose ancora…(te lo posso assicurare che io di viaggi ne ho fatti, e essendo napoletana quante volte mi hanno ferito)
    Ma quanto escono fuori certe cose, le mani partono da sole.
    Napoli è Italia. Napoli fa parte dell’Italia, e l’Italia deve aiutare Napoli COME SI DEVE.
    Si la colpa è anche dei cittadini, questo lo dico anch’io, perché potevamo fare qualcosa prima, perché si poteva parlare invece di starsi zitti, ma al giorno d’oggi la potenza del popolo di una volta dove si trova più ?
    La camorra anche ha le sue colpe.
    E i politici ?? i politici anche !
    I soldi dell’Unione Europea ?? Dove sono ?? Sono 14 anni che “nessuno sa dove sono questi soldi” !
    Sono stati mangiati.

    I rifiuti sono un business. La munezza è oro per “Loro”.

    Per noi i rifiuti sono malattie…e all’origine di queste malattie non ci snon soltanto i napoletani ma anche le industrie del nord ! Napoli non è una discarica naturale. Napoli è ricca di storia dai Greci in poi…
    I nostri rifiuti noi ce li teniamo e non li mandiamo di certo al Nord ! Tenetevi i vostri rifiuti e non mandateceli a noi! Napoli risolve i suoi problemi ma dal momento che a Napoli c’è il resto dell’Italia allora il problema diventa nazionale.

  6. anonimo permalink
    gennaio 14, 2008 6:25 pm

    Napoletani rimboccatevi le mani come facciamo qui in Veneto!!!
    Da parte nostra nessun aiuto…paghiamo già abbastanza!!
    Io mi faccio il culo tutto il giorno ed alla sera perdo 15 minuti del mio tempo prezioso per fare la raccolta differenziata! Non avete senso civico e nemmeno rispetto della natura ad iniziare dal “Sig.??” Ministro dell’ambiente..

I commenti sono chiusi.