Skip to content

Cina: un’olimpiade sbagliata

marzo 26, 2008

E’ dal 2001 che si sa che le Olimpiadi avrebbero dovuto svolgersi in Cina. E’ dal 2004 che si spera che la Cina possa cambiare grazie all’evento olimpico. Tutte cazzate. La verità è che la Cina è tale e quale a quella della Banda dei Quattro. Solo che, ora, le carestie non sono così evidenti e macroscopiche. Anzi, non ci sono però intere minoranze, Tubet in testa, sono tenute in uno stato di segregazione. Se la Corea del Nord viene definita come un immenso Gulag, in questi termini ci si può esprimere nei confronti del Tibet. E veffanculo a qugli apologeti del cavolo che sostengono, su you-tube, che il Tibet è sempre stato e sempre sarà parte della Cina. La verità è che un po’ tutto il mondo occidentale dovrebbe stancarsi di queste faine dagli occhi a mandorla e cominciare a capire che, se disgraziatemente, ci passasse per l’anticamera del cervello di sospendere anche solo una parte dei nostri investimenti laggiù, i dirigenti finto-comunisti di Pechino cambierebbero immediatamente registro.

Parabola: Qualche giorno fa, sul sito http://www.sinodefence.com mi sono imbattuto in un articolo il quale riferiva di come, grazie ad una joint-venture tra un’industria cinese e un cantiere australiano di aliscafi, la Marina dell’Esercito di Liberazione Popolare sia stato in grado di costruire un proprio avanzatissimo aliscafo lanciamissili. Le tecnologie che esportiamo con le nostre fabbriche vengono riadattate per scopi militari.

 Questo modo subdulo di servirsi delle nostre capacità tecnologiche è, in fondo, lo stesso modo in cui la Cina si sta comportando in tanti altri settori, ivi compresa la comunicazione. Pechino 2008 serve, in fondo, a questo. Pechino, appropriandosi di un evento TIPICAMENTE occidentale, vuole cambiare la percezione che il mondo ha della Cina. La Repubblica Popolare deve apparire come un Paese moderno e all’avanguardia. Questo l’abbiamo fatto anche noi con Roma ’60, ma qui l’operazione è diversa. L’analogia con la tecnologia militare è valida se consideriamo che le Olimpiadi, viste nel modo sopra indicato, non sono altro che una immensa menzogna I cinesi non fanno altro che mentirci e dobbiamo, in qualche modo, smetterla di farci prendere in giro. 

Annunci

I commenti sono chiusi.