Skip to content

I rifiuti e la soluzione che non c’è

luglio 2, 2008

Sicuramente a Napoli il problema della spazzatura esiste. Esiste anche in Toscana: tra un po’ la discarica di Peccioli saurerà e, finchè non entrerà in funzione il termovalorizzatore dell’area fiorentina ci sarà da ridere. Tuttavia, la cosa che mi colpisce è che a qualsiasi cosa si dica no. Le discariche, a volte a ragione, non si vogliono, i termovalorizzatori neanche. CI vorrebbero gli impanti di riciclaggio. Ma anche gli impianti di riciclaggio inquinano. Esisteva, vicino Massa Marittima, una piccola azienda nata per riqualficare una ex area mineraria. Questa azienda si occupava del riciclaggio di materie plastiche. Ebbene, nel sangue dei suoi dipendenti è stato trovato del piombo, mentre sono state riscontrate diverse irregolarità per quanto riguarda l’impatto ambientale. La fabbrica di questa azienda è stata chiusa. Questo piccolo esempio ci dice che riciclare non è semplice e aprire un impianto di riciclaggio è complesso come fare una discarica a regola d’arte. A me piace il riciclaggio, a me piacciono i sistemi di gassificazione delle discarice e mi piacciono da morire i termovalorizzatori, non perchè mi piaccia respirare del fumo cancerogeno. Mi piacciono perchè possono servire a risolvere il problema della spazzatura, a riscaldare le case e a produrre elettiricità. Perchè un termovalorizzatore può esistere in centro a Brescia e non in centro a Napoli? Sinceramente non credo che Napoli sia un città di serie B o che i napoletani siano cittadini di serei B. Sinceramente credo che, soprattutto in una contingenza così problematica, si debbano cercare soluzioni che rechino immediato sollievo alla città al riparo da infiltrazioni mafiose. Questa la sfida e, secondo me, i termovalorizzatori sono la soluzione ottimale. Poi, si può affermare che in altre parti d’Europa quella dei termovalorizzatori è una tecnologia superata. Sono d’accordo. Il problema è che i termovalorizzatori sono una fase storica che anche noi italiani dobbiamo affrontare per poi arrivare a riciclare il più possibile, solo che, ora, a Napoli, e così sarà presto in altre zone d’Italia, c’è la spazzatura per la strada e qualcuno sembra non volere soluzioni. Speriamo che questo qualcuno cambi idea.

Advertisements
One Comment
  1. arpia permalink
    luglio 2, 2008 1:20 pm

    hai ragione.
    ma prima si colpiscano le mafie..
    ciao

I commenti sono chiusi.