Skip to content

Problemi in Georgia

agosto 9, 2008

La politica.
Sto appena leggendo il bollettino di Guerra diffuso dal Ministro degli Esteri georgiano secondo cui il paese georgiano avrebbe perso, tra militari e civili, 150 persone. Le vittime tra gli Osseti si contano in migliaia. Non si sa chi abbia attaccato per primo, ma sembra che i russi abbiano preso come pretesto scontri in Sud Ossezia per far capire ai Georgiani che loro nella Nato non ci devono entrare e che il Cremlino moscovita ha il monopolio degli approvvigionamenti energetici europei. L’obiettivo è semplice: il piano russo prevede di conquistare l’Europa attraverso i suoi approvvigionamenti energetici. Inoltre, questioni come lo Scudo Spaziale nell’Est europeo, l’indipendenza del Kosovo e l’entrata dell’Ukraina nella Nato hanno spinto i neo(post)sovietici a tentare, in qualche modo, di rompere l’accerchiamento.I soldi non comprano tutto, altrimenti le guerre proprio non ci sarebbero. La brama di potere e questioni di pene, spesso, sono ragioni da prendere molto sul serio. Pazienza.
I media.
Lasciando perdere le questioni politiche che sono molto complicate come complicato è il dissolvimento dell’Unione Sovietica, sembra che i media main-stream non stiano prendendo sul serio una crisi che potrebbe complicare ulteriormente la nostra vita facendo schizzare ancora più in altro il prezzo del petrolio e, quindi, i prezzi della nostra benzina. Tuttavia, bisogna parlare di Pechino 2008.

Annunci
One Comment
  1. Mistralv permalink
    agosto 10, 2008 12:19 am

    rispondo incuriosito dal tuo nome (o nick). Francesco-Franco Piccinelli è un autore importante nel campo della narrativa contemporanea. Ha scritto oltre 30 libri per me tutti importanti. Inoltre è un “amico” dai tempi dell’infanzia. Probabilmente tu sai già tutto questo.
    Venendo al tuo post: tutti possono avere la stessa impressione tua, ma i media ora sono occupti da Pechino.
    Qualche testa d’uovo strà meditando se è meglio mettere sotto i riflettori Pechino o i , per fortuna pochi, uomini morti in Georgia. Gli approvvigionamenti energetici sono un tema troppo serio per loro..
    -:) ciao!

I commenti sono chiusi.