Skip to content

Ho visto l’I-Phone, prima del Malaspada, leggendo Tolstoj

settembre 19, 2008

L’ho visto davvero, ieri, nelle mani di un mio amico. E, che dire? Non mi sono emozionato. A me è sembrato un touchscreen con qualche cosa figa, ma niente di più. Insomma, il mio LG da 80€ le videochiamate le fa, il cellulare della mela no. A parte queste che sono questioni tipo “invidia del pene” sono orgoglione di annunciarvi che il prossimo numero della rivista “Il nuovo Malaspada” dovrebbe essere disponibile su queste pagine entro un paio di settimante. Ora, sono strafelice di tutto questo perchè il mio articolo ha riscosso il consenso di persone il cui senso critico stimo essere maggiore del mio. Ma sono orgoglione per un sacco di altri motivi che vi farò presenti quando presenterò il prossimo numero che andrà in stampa grazie alla sempiterna pazienza del nostro Boss Marco de Leo che sta faticosamente prendendosi cura di tutto, mentre io perdo tempo arrivando quasi alla fine del primo tomo di Guerra e Pace e, che dire, è magnifico! C’è tutto! Dal sesso ai flussi di coscienza alla guerra, Dio, quanto vorrei sapere il russo. Dio quanto vorrei avere qualcosa di “serio” da fare, visto che mi sono imparato a memoria le prime due lezioni due di Sociologia della Comunicazione. Uffa, quanto odio essere un secchione. Non sopporto di essere in questo interregno dove la vacanza non è vacanza e dove l’Università non è Università. Uffa.

Annunci

I commenti sono chiusi.