Skip to content

La trappola

settembre 19, 2008

Epifani è seriamente convinto di non essere caduto in trappola. Beato lui! Io credo proprio di sì. Stretto tra il martello di una trattativa con Air France e l’incudine del fallimento, la CIGL è stata schiacciata. Con quale credibilità, ora, tratterà con la Confindustria? E chi se ne importa se non è andata proprio così. Ormai, il risultato è questo. Epifani lo sa e tenta di smarcarsi. Il Pdl lo sa e sparerà a zero sulla CIGL, il Pd si ritrova in una situazione simile a quando Cofferati sembrava la speranza per il Centrosinistra. Sappiamo tutti come è andata a finire. Solo che ora il mondo sindacale tutto esce a pezzi. CISL e UIL rimpiangono i piani di Spinetta, ma il latte è oramai versato. Fallimento, parola chiave di questi mesi. Si è trattato di questo. La politica ha fallito. Sacconi può continuare a chiedere alla CIGL di ripensarci. Di qui non si torna indietro. Tuttavia, è facile sparare a zero sui sindacati. Guardiamo la politica: troppa e ovunque, parassita senza scrupoli. Si è fatto campagna elettorale su Alitalia, si è messa insieme una cordata che, guardacaso, aveva dentro AirOne ed eccoci qui a piangere la nostra Compagnia di Bandiera. Il Pd si è già scatenato. Alzo zero e sparare. Non può fare altro, peccato.

PS: è molto mainstream, ma pazienza. Purtroppo non abbiamo noi blogger il diritto di dettarci un’agenda.

Annunci

I commenti sono chiusi.