Skip to content

La notte del 4

novembre 2, 2008

Per quanto mi riguarda, il quattro Novembre posso dormire tranquillo. Secondo un gruppo di esperti che scrivono sul blog usaelectionpolls.com la corsa è finita. Se McCain non vincerà in Pennsylvania , dovrà conquistare gli altri stati incerti e, secondo i miei esperti, il veterano del Vietnam ha mollato in stati come, ad esempio, in Colorado. Zogby può dire quello che vuole. Quello che è vero è che Obama sta consolidando il suo vantaggio e a meno che McCain non recuperi in due giorni qualcosa tipo due punti al giorno. Ssarà possibile? Quanto influirà la zia clandestina di Obama? Non lo so. Il Time di due settimane fa riportava di un gruppo di americani medi consapevoli del fatto che la benzina costa $3 l’oncia e che la colpa, forse, è di Bush. Il malcontento tra questo gruppo di americani del Kansas mi ha stupito e  mi ha messo dell’idea che Obama  abbia già messo in banca i suoi soldi. E’ finita, forse e l’unica cosa che terrà viva la mia attenzione in questi giorni è il GP del Brasile. Buona notte a tutti.

Annunci
One Comment
  1. lucyintheskywd permalink
    novembre 3, 2008 1:23 pm

    Proprio non riesco a spiegarmi come possa influire la zia di Obama su un’elezione di questa portata… Ovviamente la notizia è spuntata fuori a poche ore dal voto.
    Ancora una volta si coglie l’occasione per montare scandali su fatti poco rilevanti ai fini di condizionare il risultato elettorale di un candidato, quasi che la levatura politica dello stesso si possa fondare su simili marginali circostanze.
    Questo fa ancora più specie se si pensa alla piega tutt’altro che garantista che sta prendendo quest’elezione: qui si legge di macchine elettroniche non funzionanti, di code interminabili ai seggi, e – cosa sconcertante – di migliaia di cittadini esclusi arbitrariamente dalle liste elettorali. Alla faccia della sana competizione democratica.

I commenti sono chiusi.