Skip to content

Lidia Bai ha vinto, cosa ha sbagliato Massa Comune.

giugno 8, 2009

Massa comune ha fallito: Massa Democratica avanti con oltre il 50% dei voti, la lista di Mazzocco si è attestata intorno al 26%, mentre il 22% è toccato a Favilli. Questo il dato in numeri.In attesa delle dichiarazioni di Mazzocco, Tassoni e tutti gli altri, mi domando che senso abbia avuto, da parte di Massa Comune, affidare il grosso della campagna elettorale a Gabriele Galeotti che potrà essere bravo quanto Renzo Piano come architetto, ma di un paio di lezioni di comunicazione politica avrebbe un gran bisogno.

La strategia comunicativa della Lista Civica ha utilizzato quattro piattaforme: il sito ufficiale (massacomune.it),la pagina facebook,  il sito del Galeotti (palazzodellabbondanza.it) e il forum ad esso collegato.L’oggetto che voglio analizzare per primo è il forum. Cliccando qui e scorrendo la pagina verso il basso, si nota come nell’ultimo periodo, quello decisivo della campagna elettorale, il forum sia morto: un argomento ogni settimana, con scarse risposte e una egemonia dei messaggi da parte del consigliere Ovi. Sarebbe stato meglio, dal loro punto di vista, chiudere baracca e, almeno, avrebbero evitato di  dimostrare di avere pochi argomenti a disposizione. Stessa cosa vale per la pagina Facebook: qualche proclama di Alessandro Tassoni e poco più.

Inoltre, se andiamo a vedere quello che è successo su massacomune.it e palazzodellabbondanza.it (o gabrielegaleotti.com) vediamo come, da una parte, la Lista Civica si è servita della propria pagina ufficiale quasi solo per i comunicati stampa mentre, come detto, il grosso della comunicazione dentro-fuori passava attraverso il sito (non è un blog) dell’architetto. Nessuno, da lui, si è mai dissociato (peccato) mentre Galeotti continuava a perseguire una strategia che, a lungo andare, si è rivelata quantomeno poco saggia esemplificabile con gli interventi intitolati Il nuovo che avanza.Galeotti ha trovato dei video su youtube e li ha linkati sul suo sito (solo dopo una settimana è riuscito a capire come embeddarli, ma questa è un’altra storia) attaccando quelli che, a lui, sembravano i bersagli più facili. Si tratta di me, Alberto Nieri ma, soprattutto, Flavio Zazzeri. Che poi il video di Flavio sia un mio errore, mea culpa/mea culpa/mea maxima culpa/, però la strategia di attaccare quello che all’apparenza è il più debole si è rivelata primitiva, rozza e controproducente. In sostanza, Flavio non ha mai avuto tanta visibilità in vita sua. E’ stato come mettere la sua faccia sulla facciata del Duomo costringendo tutti, quantomeno, a non ignorarlo. Senza, poi, considerare che questo incidente ha, in qualche misura, compattato il partito intorno a Zazzeri. A proposito,  in attesa dei riusltati di Valpiana, sembra che Flavietto sia passato. Galeotti, grazie di esistere.

Ma non si tratta solo di questo: la Lista Civica ha un peccato originale ingombrante che è il gruppo Adriano Sindaco su Facebook che non esiste più, ma non è che abbia influito positivamente sulla reputazione di quello che Galeotti ha fatto o su quello che nasceva sui suoi siti internet. Massa Comune ha perso anche per questo. Come ha perso sbagliando gli strumenti che avrebbero dovuto permetterle di capire cosa stava succedendo davvero a Massa. Ricordate il famoso sondaggio che dava Massa Comune vincitrice? Al di là della scelta del campione che rappresentativo è rappresentativo, non sono indicati nè la metodologia, nè i committenti, nè è stato inviato a sondaggipolitocoelettorali.it come da legge, essendo stato pubblicato. Questo testimonia come anche fare domande al telefono per un sondaggio politico non sia una cosa banale: gli intervistatori di questi sondaggi, quelli veri, minimo, sono laureati in Sociologia. Ma non si tratta solo di questo. Quando Galeotti sbandiera i risultati del proprio sito, cosa sbandiera? Il niente. Personalmente, quando ho un picco di contatti mi preoccupo in quanto so già che il 60% di questi non è amichevole nei confronti dei miei contenuti. E questa non un’idea così peregrina se consideriamo che Hall divide la lettura dei media in preferita, negoziata o anagonista. Spesso, io leggo il sito dell’abbondanza proprio in maniera antagonista. Se, come me, on-line ci sono i dipendenti della Comunità Montana e qualche decina di massetano, si fa presto a misurare il consenso che  Galeotti è riuscito a catalizzare.

In conclusione, il vero errore di Mazzocco&Co. è stato quello di lasciare tutto in mano a Galeotti (o mandarlo avanti?) limitandosi al minimo sindacale per quanto riguarda le attività extra-internet (volantini e tutto il resto). Preziosa lezione, se vogliono vincere alle prossime elezioni. Non ho parlato del programma. Francamente, mi sembrava di sparare sulla Croce Rossa.

Advertisements
7 commenti
  1. gabrielegaleotti permalink
    giugno 9, 2009 11:26 pm

    Gentile Dott.Piccinelli.
    Le va di partecipare ad un confronto faccia a faccia con me ?
    Mi faccia sapere.
    Lei ha sempre il latte tra i denti.
    Cordialmente.

  2. Gennaro Orizzonte permalink
    giugno 10, 2009 6:56 am

    Caro Francesco,
    non farò minimamente polemica, ma mi spieghi dove sarebbe il fallimento di Massa Comune?
    Un movimento civico, nato solo pochi mesi fà ha raccolto 1412 consensi, poco meno della metà dell’attuale maggioranza e mettendo KO 2 partiti organizzati come PDL & PRI.
    Io invece mi preoccuperei del fatto che la maggioranza ha comunque perso il 5,6%, nonostante la grande mobilitazione di tutta Massa Democratica in queste elezioni.
    E’ vero, avete ancora la maggioranza assoluta, ma non potevamo pretendere di cambiare la testa delle persone in 5 mesi, soprattutto in un paese in cui gli abitanti oltre i 60 anni sono la prevalenza.
    Il cambiamento, nonostante secondo il mio modesto parere sia necessario ed opportuno, genera resistenze e criticità in che lo ostacolano solamente, non lo impediscono.
    Sui metodi di comunicazione, possiamo discutere, ognuno ha fatto la sua scelta strategica, comunque continuo a sottolineare che massacomune.it, sia stato un potente mezzo di comunicazione, che ha sostituito il forum dell’abbondanza, in quanto ogni singolo visitatore poteva e può comunicare direttamente tramite l’apposito form in forma privata con qualsiasi candidato.
    E’ cambiata solo la forma non la sostanza.
    Non è stato usato solo internet, è stato fatto tantissimo volantinaggio, io personalmente l’ho fatto diverse volte, nonché ho imbucato 2000 lettere per far conoscere le mie idee.
    Per quanto riguarda Gabriele, beh, ne discuterai con lui, io lo ringrazio solamente perché senza di lui tutto questo non sarebbe nato.
    Sicuramente si può e si deve migliorare, l’esperienza ci farà crescere, e vista la crescita di consenso esponenziale che ci ha visto protagonisti, sicuramente ce la potremo giocare tra 5 anni!
    Ciao, buon lavoro!

    P.s: Io il programma di M.D l’ho conservato, vigilerò sulla sua attuazione e alla prossima scadenza elettorale tirerò le somme, poi si vedrà chi prometteva veramente la luna…

  3. Tassoni Alessandro permalink
    giugno 10, 2009 8:22 am

    GCRANDE PICCINELLI!!!

    Ti stimo Fractello!

  4. giugno 10, 2009 11:20 am

    Prima di capire dovìè andato a finire il 5% in mendo di Massa Democratica, mi chiedo come mai Massa Comune sia grande, punto più punto meno, quanto il Pdl delle scorse elezioni. Se per cambiamento intendevate questo, beh, non mi sembra il caso di brindare al miracolo. Per quanto riguarda la comunicazione, per minimo sindacale intendevo appunto volantinaggio e lettere a casa. Sono cose che non bastano ad affermare la novità nel momento in cui si presentano. Se volevate, davvero, fare colpo, avreste dovuto fare ricorso a tecniche, che so, di guerrilla marketing facendo, magari, qualche azione un po’ spettacolare. Sono cose codificate. Ma, al di là di questo, Massa Comune è nata portando avanti un interesse che è risolvere il palazzo dell’abbondanza. Nel linguaggio della sociologia della comunicazione avete fatto opera di framing nei confronti di questo problema. Lo avete focalizzato, ma, anche nel vostro programma, si parlava soltanto di una generica gestione pubblico-privata. La cosa potrà aver funzionato per voi, ma non per l’elettorato che volevate conquistare no considerando, tra l’altro, che il fulcro del programma si è spostato, giorno dopo giorno, verso la gestione degli impianti sportivi. Che voi abbiate concepito tutto questo in maniera diversa, questo è un’altro paio di maniche. Quello che è passato, la vostra immagine, dal mio punto di vista è stata esattamente quello che ti ho raccontato. Sulla verifica dellìattuazione del programma, non è che fai nulla di speciale. E’ il tuo mestiere di opposizione. Che sia esponenziale la crescita di consenso, non ci credo: i dati li so leggere e l’unica cambiamento significativo che ho visto è che c’è stato un regolamento di conti all’interno dell’opposizione.

  5. giugno 10, 2009 11:22 am

    Galeotti, si sforzi. So che sa replicare meglio di così.

  6. Gennaro Orizzonte permalink
    giugno 10, 2009 8:23 pm

    Molto semplicemente Massa Comune è più grande del Pdl per il semplice fatto che molti massetani hanno visto in noi una possibilità di mutamento che evidentemente l’attuale dirigenza Pdl+Pri non poteva garantire. Tutto qui!
    Nessuno brinda, anzi ora ci stiamo alzando le maniche e ci daremo da fare ancora di più affinchè il cambiamento che iniziato in questa tornata elettorale volga al termine la prossima con il cambio di maggioranza.
    Sulla comunicazioni cosa ti aspettavi: un aereo che lanciasse volantini, un contratto con i massetani (stile Silvio) o cos’altro?
    La norme elettorali limitano in modo molto rigido i tempi e i modi di fare propaganda: un esempio molto semplice non si può fare volantinaggio in centro, nonostante qualcuno dei vostri l’abbia fatto.
    Cercheremo di trovare qualcosa per stupirti la prossima volta!
    Ancora con questo Palazzo dell’Abbondanza? Ma cosa ti aspettavi che noi con la bacchetta magica risolvessimo il problema, non conoscendo nemmeno il Cash Flow del comune.
    Capisco essere intraprendenti, ma per le magie non siamo ancora attrezzati!
    Onestamente non riesco a capire cosa ti aspettavi!
    Guarda invece la quantità di proposte nel programma (dagli uffici pubblici alla sanità, dalle opere pubbliche al commercio & turismo, che sono entrambi fondamentali per tenere in piedi questo paese!!), ma voglio porre l’accento soprattutto al ruolo che veramente intendiamo dare al cittadino: vogliamo un cittadino consapevole, che sia critico, ma che soprattutto che sappia che abbia un amministrazione che l’ascolti veramente! Quest’ultimo non costa nulla, ma è di un’importanza fondamentale!
    Per quanto riguarda i dati numerici li stò elaborando, appena ho terminato controlliamo chi ha ragione!
    Ciao, a presto!

  7. Isa permalink
    giugno 16, 2009 1:49 pm

    ancora? … :
    “è vietato il lancio di volantini di propaganda elettorale in luogo pubblico
    o aperto al pubblico. E’ consentita la distribuzione di detti volantini da mano a mano anche nelle zone del Centro Storico.”

    noto con sincero dispiacere che continua lo stile dell’allusione e della minaccia personale

I commenti sono chiusi.