Skip to content

Se dico che Grillo è uno squadrista, ho ragione

settembre 4, 2010

La casta grillina ha colpito ancora. Gli squadristi del comico genovese  hanno annunciato di voler cominciare una campagna di contestazione nei confronti di chiunque, non di loro gradimento, parli in pubblico con lo spirito che caratterizza anche molti dei commenti che ricevo da loro quando ne parlo male. Il presenzialismo intimidatorio di queste persone è insopportabile. Chiunque ami l’Italia e capisca qualcosa di politica sa (o dovrebbe sapere) che movimenti come il MoV sono pericolosi e inutili, pericolosi perché ripropongono concetti che portano su strade diverse da quella della democrazia rappresentativa.

Annunci
3 commenti
  1. mario rossi permalink
    settembre 7, 2010 1:00 pm

    Premesso che protestare e dissentire è un sacrosanto diritto, trovo di molto stupido, arrogante e, appunto, squadrista, andare in casa di altri a farlo. Un conto è contestare un politico per la strada o in un altro “luogo pubblico” (esempio l’università), un conto è andare a fare una provocazione alla festa del pd, cioè in casa di altri…. E’ come se durante un meet up o un comizio-spettacolo di Beppe Grillo arrivassero un po’ di fascisti o comunisti (ma esistono ancora?) a fare casino…. Che direbbe il popolo viola?
    Vedo tempi bui all’orizzonte….

  2. settembre 7, 2010 9:32 pm

    Il punto è prorpio questo!

Trackbacks

  1. Tweets that mention Se dico che Grillo è uno squadrista, ho ragione « Il diserbante 2.0 -- Topsy.com

I commenti sono chiusi.