Skip to content

Come sopravvivere alla Maremma toscana senza farsi del male

dicembre 14, 2011

1. Vietato esporsi

Chi parla e scrive, mediamente, è un coglione. Esprimere un’opinione, qualunque essa sia, soprattutto se non è molto popolare è vietato e si attira il pubblico ludibrio. Non importa se sia espressa in modo goffo o intelligente, l’importante è che sia espressa e non sia nel solco di un sentimento “comune” che, però, nelle urne, di comune non ha mai, alla fine, un fico secco di niente.

2. Non studiare

I libri sono il nemico. Chi studia e cerca, con intelligenza di portare un po’ di intelligenza nel dibattito deve essere stroncato, perché “non sa” , “non ha il diritto” e la realtà “è diversa da quella che si legge nei libri”. Basta essere ignoranti e tutto è a posto,. Chi, magari, studiando e grazie ai suoi libri, tra pochi anni (come succederà al mio amico aspirante medico) comincerà a guadagnare tra il 30 ed il 40% in più del reddito medio va preso per il culo, perché, nonostante tutto, è sempre e solo un secchione di merda.

3. Niente fuori le mura

Quello che c’è fuori dalle mura è inutile. E’ dannoso ed è per giunta, pericoloso perché, a meno che non parli alla pancia della gente, non è degno di essere ascoltato. Chi lo fa, si “pavoneggia” e si “rende ridicolo”.

Basta seguire queste 3 semplici regole, e nessuno si farà male.

 

Annunci

I commenti sono chiusi.