Skip to content

E se fosse così che le agenzie di rating emettono i loro verdetti?

gennaio 15, 2012

Interno: giorno o notte non fa differenza, tanto la luce è sempre quella dei 4 monitor che raccontano la finanza mondiale real time. In un angolino del monitor, quello che si occupa del Fixed income Leslie si accorge che i rendimenti dei Btp italiani sono troppo bassi. La banca d’affari per cui lavora non presta soldi a nessuno. Non prestando soldi, deve trovare il modo di guadagnare perché, altrimenti, il Chief Financial Officer non potrà permettersi un volo sul Virgin Galactic, il prossimo anno. Per cui, che fare?

Leslie ha un amico. All’Mba della Columbia aveva conosciuto un ragazzo di Atlanta che era finito a lavorare in un’agenzia di Rating e che, per fortuna, si occupava del debito della zona Euro. In fondo, basta un messaggio su Facebook.

“Hey, Carl, che ne dici di fare un po’ di soldi?” Scrive Leslie

“Cosa cazzo vuoi dire?”

“Sì, dai, un mio amico del marketing mi ha detto che hanno fatto un prodottino tutto nuovo per investire sui bond della zona Euro. Per ora i rendimenti sono piuttosto bassi…”

“Sei uno stronzo! Il fatto stesso che ne parliamo è illegale. SI rischia la galera!”

“Senti, non rompere, altrimenti racconto a tua moglie quello che hai fatto l’altra sera quando siamo usciti insieme…non vuoi che succeda, vero?”

“Ah…beh, cosa vuoi che faccia?”

“Abbassa il rating di Italia e Francia”

“Sai le implicazioni di…tutto questo?”

“Dai, lo  fate tutti i giorni. Sai perché sono stati declassati gli Stati Uniti? Perché l’analista che si occupa del nostro debito ha talmente tante foto di minorenni nudi che rischia l’ergastolo. Non vuoi che vengano trovate anche sul tuo Pc?”

“Senti, Leslie, la situazione, per ora, è troppo sotto controllo. Mi serve tempo. Prima, seconda decade di gennaio, al massimo”

“Fai pure, tanto io ho il tuo numero di casa…”

“Sei uno stronzo”

 

Non so se le cose vadano davvero così, ma la tempistica dei declassamenti….

 

 

Annunci
One Comment
  1. icittadiniprimaditutto permalink
    gennaio 15, 2012 12:52 pm

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

I commenti sono chiusi.