Skip to content

Vedi Massa Marittima e poi muori

aprile 7, 2012
Massa Marittima Cathedral

Il Duomo di Massa Marittima (Photo credit: Wikipedia)

Come lavoro collaterale ad un’inchiesta che sto conducendo nei dintorni di casa mia, Massa Marittima, in provincia di Grosseto, mi sono andato a studiare la demografia della città nella quale sono nato. Il risultato è inquietante. Dando una prima occhiata ai dati (che trovate cliccando qua) si fa una scoperta inquietante: questo ridente borgo della Maremma grossetana sembra un posto nel quale si viene, sostanzialmente a morire.

Mi spiego meglio: i dati parlano di una città nella quale il saldo migratorio è positivo, mentre, banalmente, i bambini non nascono e i vecchi rimasti muoiono. L’aspetto raccapricciante è che ogni bambino nato, sono morte circa 3 persone. Si tratta di stime un po’ a spanne, ma dovrebbero dare qualche grattacapo a chiunque abbia a cuore questo territorio e che danno la dimensione di come la mia città sia sì attraente, ma offra veramente poche opportunità a chi voglia mettere su un famiglia con pargoli eccetera.

Non ho ancora studiato la piramide demografica dei massetani.  Però, se i dati sui flussi parlano di questa realtà, allora, forse, i problemi di questo territorio sono più profondi di quelli che immaginiamo. Rimanete collegati per aggiornamenti.

 

Approfitto di questo post  per ringraziare  l’Ufficio Comunicazione e l’Ufficio Anagrafe del comune di Massa Marittima  per la professionalità (e la pazienza) dimostrata nei miei confronti.

Annunci

I commenti sono chiusi.