Skip to content

Salvate Antonio Banderas da quella gallina

giugno 23, 2012

Annche Mickey Rourke parlava agli uccelli. Ma, in quel film, interpretava San Francesco d’Assisi, non un fornaio che vive in campagna e che ha rapporti sociali solo con una gallina. Non come il povero Banderas che, da qualche mese, imperversa sui piccoli schermi di casa nostra, facendo da testimonial ai prodotti del Mulino Bianco (apro e chiudo parentesi: sono gli stessi prodotti da quando sono nato e forse prima).

Quando ho visto lo spot per la prima volta, mi sono detto: “cosa racconterà il buon Banderas agli amici quando gli chiedono che lavoro fai?“. Va bene che fare l’attore implica che la soglia della dignità davanti la macchina da presa sia pari allo zero, ma a tutto c’è un limite, soprattutto se la buttiamo in politica: la Spagna è nella cacca fin sopra i capelli e, magari, il bicipite del buon Banderas poteva essere un modo per abbassare lo spread. Ma, così, con quella gallina, non solo i bond spagnoli, ma anche l’eros iberico è abbastanza a rischio. Peccato.

Tralasciando battute volgari che il mio ego maremmano potrebbe concepire per concludere degnamente questo post (del tipo: prima Banderas parlava con le passere ora si è ridotto alle galline) e lasciando perdere il fatto che per fare quei biscotti quella gallina ha dovuto sacrificare una buona parte della sua prole, mi chiedo perché? Perché ridurre un sex symbol al ruolo di fornaio sfigato di campagna con una certa tendenza alla zoofilia? Per questo, spero che la blogosfera e il mondo dei social media si uniscano al mio appello: “salviamo Banderas da quell’uccellaccio strumento del maligno”

PS: Vi prego, perdonatemi per aver scritto questo post, ma, visto che qualcuno mi ha consigliato di studiare meglio il linguaggio giornalistico, mi sono rimaste solo le minchiate. Grazie per la comprensione.

PPS: Signori del marketing della Barilla, avete intenzione di di darmi qualche centesimo di Euro per aver pubblicato il vostro spot? :p Se volete che ne pubblichi altri, datemi un’indirizzo email che vi mando l’iban. Grazie 😉

Annunci
3 commenti
  1. icittadiniprimaditutto permalink
    giugno 23, 2012 12:01 pm

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. giugno 24, 2012 11:17 am

    bel blog……….

  3. giugno 24, 2012 3:51 pm

    Grazie *_^. Anche il tuo é molto bello 😀

I commenti sono chiusi.