Skip to content

Il nuovo sito di Usatoday: guardare e apprendere

settembre 16, 2012

Trent’anni fa nasceva Usatoday, il primo vero quotidiano nazionale degli Stati Uniti, il primo ad essere slegato da una città in particolare a a rivolgersi ad una nazione grande più o meno come un continente. Oggi, come tutti i giornali di questa parte del mondo, ha seri problemi in termini di ricavi, ma, a 30anni dalla sua fondazione, Usatoday ne ha fatta una abbastanza grossa.

beta.usatoday.com

Andate a vederlo, farete una o due scoperte interessanti. Primo, l’apertura cambia. Sport, cronaca e gli altri temi del giorno, si alternano sul fotone centrale. Standard, nel design di molti siti americani. Ma, scendendo, nella home, la vera novità riguarda i box: sembrano icone di Google+, semplicemente da toccare. E, se si toccano, sorpresa delle sorprese, non si apre una pagina, ma una specie di popup in javascript che dà l’impressione di non essersi mossi dalla home. Nella barra degli indirizzi appare un Url che sembra (SEMBRA) di WordPress (a proposito, qualcuno sa che sistema editoriale usano?). Così, si salvano gli inserzionisti pubblicitari che pagano le pagine viste più dei clic. In più, se si vuole tornare indietro, basta cliccare sulla “x” in alto a destra e il gioco è fatto. In più, c’é una barra che se ne sta in alto, nello schermo, e che permette di accedere ai video e (udite udite) a una visualizzazione stile Flipboard degli articoli in apertura. Libidine allo stato puro.

E’ rivoluzionario?

Non lo so. Per essere rivoluzionario davvero, avrebbe dovuto fare un uso estensivo, che so, del tag <canvas></canvas> , cosa che non ho notato nel codice. Quello di cui sono certo, però, è Usatoday ha imparato dal meglio delle esperienze di social network che si vedono in giro. Inoltre, l’attenzione alla semplicità e alla chiarezza nell’organizzazione, lascia intendere che in Virginia abbiano davvero ascoltato gli utenti. A condire tutto, il fatto che i boxini possano essere visualizzati come foto, o con un breve strillo, che dà un’idea di come i giornali online possano diventare personalizzabili e interattivi.

Invece di continuare a descriverlo, vuoi rispondere a questa cazzo di domanda?

Ancora. Non lo so. Quello che so, è che, d’ora in avanti, chi disegnerà giornali online avrà un nuovo punto di riferimento. Migliorabile. Ma, per ora, il beta di Usatoday è lo stato dell’arte. Il problema è capire se basta il design a salvare un giornale online. Io credo di no. Ma, almeno, è un segnale di vitalità. Per i modelli di business, ne parliamo in un altro post.

Annunci

I commenti sono chiusi.