Skip to content

Salvate “L’Unità” dai suoi giornalisti, se proprio ci tenete

settembre 3, 2014

L’Unità è ripartita. Per ora “solo” sul web e spera (quando?) di ritornare in edicola. A parte il sopracciglio alzato di chi, come me, pensa che il futuro della carta sia segnato e, dati alla mano, pensa di non avere così tanto torto, mi chiedo chi diavolo sita gestendo la pagina del quotidiano ex ufficiale del defunto Partito Comunista Italiano. Ho visto, infatti, questo:

Europa stampa clandestina? Allora, intendiamoci: a me Europa non piace. Leggo il sito web il meno possibile e l’ho vista cartacea un paio di volte in vita mia. Credo, tra l’altro, di essere uno tra i pochi che vive fuori dal Gra a ricordarsi che Europa usciva su carta. Infatti, il digitale di Europa è molto più influente, ad occhio e croce. Ed è stato più influente, negli ultimi due anni della stessa Unità che qui mostra, effettivamente, perché non può rinascere.

Perché, in effetti, una sinistra rancorosa e rompicoglioni convinta della propria superiorità morale e intellettuale rispetto all’avversario seduce lo zoccolo duro, quelli col colbacco, direbbe un mio maestro di politica militante. Eppure, non è più là che va il mondo.

Mentre, credo, dovremo attendere che gli asini voleranno per rivedere l’Unità in edicola (ammesso che quando stamperanno il primo numero del nuovo corso ci saranno ancora le edicole) mi permetto di dare un paio di consigli non richiesti ai colleghi de L’Unità.

Primo, scordatevi che chiunque deciderà di metterci i soldi (prima o poi un editore arriverà) di salvare tutti i posti di lavoro.;

Secondo, ricordatevi che siete un prodotto di nicchia. Il post su D’Alema ed Europa risponde a questa logica, ma l’obiezione ci porta dritti dritti al terzo consiglio;

Terzo, rispettate gli altri. Casomai non lo aveste capito, se volete davvero che la vostra superiorità morale e ideologica venga percepita, l’altro non è più un clandestino: è uno con cui entrare in relazione e scontrarsi, ma che non ci si può permettere di legittimare. It’s the conoversation, baby, e non puoi farci niente.

 

Annunci

I commenti sono chiusi.