Skip to content

Erri De Luca sta sbagliando tutto e vi spiego il perché

maggio 20, 2015
Erri De Lica - da Wikipedia

Non ho mai avuto stima di Erri De Luca. Non mi piace il suo essere collaterale (colluso) con il movimento No-Tav. Ma, per una volta, avrebbe ragione: è sotto processo a Torino per aver espresso un’opinione. L’opinione è un po’ delicata: Erri De Luca ha detto che è giusto sabotare la Tav e la Procura di Torino l’ha interpretata come un’istigazione a delinquere. Per questo è finito sotto processo. Io sono vivacemente favorevole all’Alta velocità ferroviaria, il mio stomaco dà ragione alla Procura di Torino la mia testa no, perché se fosse giusto andare in galera per un’opinione, per quanto controversa, la maggior parte di noi dovrebbe finire in galera. Per questo Erri De Luca non dovrebbe finire in galera ma continuare con la sua vita. Eppure, udite udite, ha deciso di non difendersi in tribunale, arrivando alla sentenza dando mandato ai suoi avvocati di non fare niente. Continua a leggere…

Il caso Pio Pompa e la sorveglianza di massa in Italia, un paio di dritte

maggio 11, 2015
Un documento riservato del Ministero degli Interni

Pio Pompa, secondo quanto viene ricostruito, dossierava giornalisti e riceveva 60mila euro l’anno dai nostri Servizi segreti per farlo. Scandalo vero, schifezza invereconda e tutto il resto. Però, mentre stavo scrivendo questo articolo e facevo le opportune ricerche all’Archivio di Stato, scoprivo che – letteralmente – non accadeva nulla, nelle nostre fabbriche, che non venisse solertemente registrato dal Ministero degli Interni. Non voglio dire che le nostre prefetture erano una sorta di Stasi onnisciente ma quasi. Non solo, come ho scoperto, i prefetti si adoperavano in prima persona per orientare l’opinione pubblica attraverso veline che dovevano mettere in cattiva luce gli oppositori politici. Continua a leggere…

I morti di Ribolla potevano scegliere un giorno diverso per morire: oscurati dal Grande Torino

maggio 4, 2015
La strage di Ribolla sul Corriere della Sera

C’è una cosa che, quando arriva il quattro maggio, mi urta un po’. Cioé che tutta Italia si fermi per commemorare la Strage di Superga e si scordi di quella di Ribolla. Mettiamo sul piatto le cose: da un lato, c’è la squadra di calcio più forte dell’epoca, dall’altra, il disastro minerario più grave del dopoguerra italiano. Una robina che, tanto per essere chiari, ha mobilitato le prime pagine dei principali quotidiani italiani per una settimana, almeno. Eppure, ogni volta che arriva il 4 maggio, i riflettori si spostano su Torino e sulla strage di Superga, quasi come se il Toro dell’epoca fosse più importante. Continua a leggere…

Violenza a Milano, una serie di opinioni non richieste (e controcorrente)

maggio 2, 2015
Foto da Corriere Milano

La violenza fa parte della politica. Facciamocene una ragione. Di tanto in tanto, anche nelle democrazie più evolute, qualcuno prende i manganelli e spacca tutto. Non si tratta di giustificare, ma la violenza è parte del gioco. In fondo, la democrazia e le sue regole ad altro non servono che a sublimare la violenza e a evitare che le ambizioni di chi vuole il potere si trasformino in bagni di sangue. Quindi, condannando quanto successo alla manifestazione dei No Expo del Primo maggio, è bene riportare le cose alla loro essenza più pura. La lotta politica – purtroppo – è fatta anche di questo e non c’è niente che ci possiamo fare. Eppure, vanno fatti un paio di ragionamenti. Continua a leggere…

Matteo Renzi come Carlo VIII Re di Francia, una lezione dal Rinascimento italiano

aprile 28, 2015
Carlo VIII Re di Francia

C’è una citazione che mi ha sempre molto colpito de “Il Principe”, cioé il riferimento che fa Machiavelli a Carlo VIII dicendo che, sostanzialmente, aveva conquistato l’Italia col gesso. L’accusa che faceva lo studioso fiorentino alle signorie italiane dell’epoca era semplice: non siete stati in grado di combattere, per questo la Francia vi ha spazzati via. I motivi per cui le signorie italiane persero la guerra contro Carlo VIII sono semplici: truppe mercenarie che erano impegnate più a risparmiare uomini che ad ucciderne, divisioni politiche e scarsa organizzazione delle proprie difese. Questi tre fattori, fecero sì che Carlo VIII vincesse, delimitando i campi delle proprie truppe (numerose, bene armate e fedeli) liberandosi dei bizantismi di un sistema politico, quello italiano del XV Secolo, frastagliato, diviso e obsoleto. Familiare? Continua a leggere…

Salvate il soldato Civati (basta canne!)

aprile 27, 2015
Pippo Civati con dell'erba

Se ho una grave responsabilità politica, nella mia vita, ho quella di aver votato (sigh…) Civati alle primarie del Pd e la sua mozione al congresso. Quello che ha fatto da allora il bel Pippo andrebbe inserito nel manuale dei fallimenti politici più spettacolari della sinistra italiana. Un lento scivolare verso l’irrilevanza e verso i personaggi che lui stesso volevo rottamare ai tempi della prima Leopolda. Triste, tristissimo suicidio di uno che evidentemente non è un politico di razza e che non ha seguito l’unico comandamento che chiunque faccia politica deve seguire: pensare a se stesso. Come fa Renzi, del resto. Continua a leggere…

Gabriele Galeotti, tutto quello che dovete sapere sull’architetto più controverso di Massa Marittima

aprile 2, 2015

E’ il 25 maggio del 2014. A Massa Marittima si sceglie il Sindaco. Io ero rappresentante di lista per Marcello Giuntini nella stessa sezione di Gabriele Galeotti. Mentre si opponeva a una mia contestazione io gli dico “O coso, che cazzo vuoi?” – gesto per il quale mi sono prontamente scusato. Pochi minuti dopo, sottolineando come nel verbale fossi registrato col primo cognome e non con tutti e due, cerca di farmi allontanare dal seggio. Io gli tiro sul tavolino il mio passaporto chiedendogli di ravvisare lui stesso eventuali irregolarità, lui mimando di pulirsi il culo, mi dice: “Ti faccio vedere dove lo puoi mettere” però – ed è questo l’importante – non lo apre e ritira la contestazione. Lo scrutinio è andato avanti con lui che faceva lo sbruffone e con io che gli riordavo un paio di mail che mi aveva mandato pretendendo che io gli rilasciassi informazioni che non avevo su chi gestiva il sito del Pd di Massa Marittima tra il 2009 e il 2010 mentre lui sosteneva che erano uno scherzo facendo – sostanzialmente – marcia indietro. Fatto sta che, mentre Massa Comune vinceva la sezione che presidiavo, Marcello Giuntini vinceva le elezioni. Infatti, quando arrivò il vecchio Boccuni con i risultati delle frazioni, il primo a dileguarsi fu proprio Gabriele Galeotti convinto che, per una volta, il centrosinistra avrebbe perso. Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.500 follower